Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario di cose celesti

Chi siamo? Perché?

Rover marziani a confronto

02 Aug 2012 04:12 PM – Michele Diodati

Ancora tre giorni di attesa e poi sapremo se il rover Curiosity sarà riuscito a superare indenne il girone infernale che l'attende a tarda sera (ora del Pacifico) del 5 agosto prossimo, quando una sofisticata procedura automatizzata lo depositerà sulla superficie di Marte, all'interno del cratere Gale.

Per capire la difficoltà ingegneristica dell'impresa, non c'è niente di meglio che confrontare le dimensioni di Curiosity con quelle dei rover marziani che l'hanno preceduto. Le immagini riportate qui di seguito possono aiutare.

Due ingegneri spaziali della NASA, seduti tra Curiosity, a destra, e due copie di rover inviati in passato su Marte. Il più piccolo è un gemello di Sojourner, mentre il più grande è una replica di Spirit e Opportunity. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Due ingegneri spaziali della NASA, seduti tra Curiosity, a destra, e due copie di rover inviati in passato su Marte. Il più piccolo è un gemello di Sojourner, mentre il più grande è una replica di Spirit e Opportunity. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Il gemello di Spirit e Opportunity (atterrati su Marte nel 2004) è lungo 1,6 metri. Il gemello di Sojourner, giunto su Marte nell'ormai lontano 1997, misura solo 65 cm. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Il gemello di Spirit e Opportunity (atterrati su Marte nel 2004) è lungo 1,6 metri. Il gemello di Sojourner, giunto su Marte nell'ormai lontano 1997, misura solo 65 cm. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Con i suoi tre metri di lunghezza e quasi una tonnellata di peso, Curiosity ha tutta un'altra stazza rispetto ai rover che l'hanno preceduto. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Con i suoi tre metri di lunghezza e quasi una tonnellata di peso, Curiosity ha tutta un'altra stazza rispetto ai rover che l'hanno preceduto. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Dato il suo peso e la sua grandezza, Curiosity avrebbe avuto bisogno di airbag smisuratamente grandi, se si fosse voluto replicare il sistema di discesa delle precedenti missioni. È stato così necessario progettare una procedura automatizzata estremamente complessa, che depositerà il rover al suolo dolcemente. La gru spaziale raffigurata in questo disegno è l'ultimo elemento della catena di trasporto. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Dato il suo peso e la sua grandezza, Curiosity avrebbe avuto bisogno di airbag smisuratamente grandi, se si fosse voluto replicare il sistema di discesa delle precedenti missioni. È stato così necessario progettare una procedura automatizzata estremamente complessa, che depositerà il rover al suolo dolcemente. La gru spaziale raffigurata in questo disegno è l'ultimo elemento della catena di trasporto. Cortesia: NASA/JPL-Caltech

Tag: Curiosity, Marte, Sojourner, Spirit, Opportunity, gallerie, articoli

Condividi post

La tua opinione

comments powered by Disqus
Powered by Disqus