Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario di cose celesti

Chi siamo? Perché?

MACS0647-JD, la più lontana di tutte le galassie (per ora)

28 Nov 2012 05:54 PM – Michele Diodati

Quanto può essere grande al massimo un telescopio? Cento metri? Un chilometro? Cento chilometri? Sbagliato! Ci sono telescopi naturali che si estendono per milioni di anni luce. Uno di questi è l'ammasso di galassie MACS J0647.7+7015, situato nella costellazione della Giraffa a una distanza di 5,6 miliardi di anni luce da noi, stimata in base allo spostamento verso il rosso della luce che ci giunge dalle sue galassie (z = 0,591).

Uno studio pubblicato in pre-stampa il 15 novembre 2012 da un gruppo di ricercatori, guidato da Dan Coe dello Space Telescope Institute di Baltimora, annuncia la scoperta della più lontana galassia mai vista. La scoperta è stata resa possibile dalla gigantesca distorsione spaziale prodotta dalla gravità dell'ammasso MACS J0647.7+7015. Agendo come un vero e proprio telescopio, l'ammasso di galassie ha ingrandito, moltiplicato per tre e reso più brillante fino a un fattore 8 l'immagine di una altrimenti invisibile galassia, posta al di là dell'ammasso rispetto al nostro punto di osservazione. La lontanissima galassia, resa visibile ai nostri occhi dall'effetto di lente gravitazionale creato da MACS J0647.7+7015, si trova a oltre 13,2 miliardi di anni luce di distanza e risale a un'epoca in cui l'universo esisteva all'incirca da 430 milioni di anni. Questa galassia primordiale, chiamata MACS0647-JD, ha uno spostamento verso il rosso prossimo a 11, calcolato con tecniche fotometriche (non con la spettroscopia, non applicabile a un oggetto così lontano).

Gli autori dello studio hanno stimato le dimensioni di MACS0647-JD minori di 100 parsec (una piccola frazione del diametro della Via Lattea) e la sua massa compresa tra cento milioni e un miliardo di masse solari. Una scrupolosa analisi preliminare è servita per escludere, con un buon grado di sicurezza, la possibilità che le tre immagini della galassia create dalla lente gravitazionale fossero in realtà deboli e più vicini oggetti di primo piano, quali corpi della Fascia di Kuiper o della Nube di Oort, nane brune, galassie oscurate da polveri. Un residuo di possibilità rimane, in effetti, anche se è estremamente improbabile, soprattutto dopo i riscontri ottenuti con le osservazioni nell'infrarosso del telescopio spaziale Spitzer, che tre deboli oggetti relativamente vicini a noi si trovino casualmente proprio là dove dovrebbero trovarsi, in base ai modelli teorici, le immagini prodotte da una lente gravitazionale centrata sull'ammasso di galassie MACS J0647.7+7015.

La ricerca si è svolta nell'ambito di una survey chiamata CLASH ("Cluster Lensing And Supernova survey with Hubble"), che studia, tra le altre cose, i fenomeni di lente gravitazionale prodotti da 25 dei più massicci ammassi di galassie finora scoperti.

Nei tre riquadri a sinistra, immagini della lontanissima galassia MACS0647-JD, create da un effetto di lente gravitazionale generato dal massiccio ammasso di galassie interposto MACSJ0647.7+7015, visibile nell'immagine a destra. Cortesia: NASA / ESA / M. Postman e D. Coe (Space Telescope Science Institute) / il gruppo CLASH

Nei tre riquadri a sinistra, immagini della lontanissima galassia MACS0647-JD, create da un effetto di lente gravitazionale generato dal massiccio ammasso di galassie interposto MACSJ0647.7+7015, visibile nell'immagine a destra. Cortesia: NASA / ESA / M. Postman e D. Coe (Space Telescope Science Institute) / il gruppo CLASH

Immagine annotata dell'ammasso di galassie MACS J0647.7+7015, con indicazione dei filtri di Hubble utilizzati e della scala dimensionale. Cortesia: NASA / ESA / M. Postman e D. Coe (Space Telescope Science Institute) / il gruppo CLASH

Immagine annotata dell'ammasso di galassie MACS J0647.7+7015, con indicazione dei filtri di Hubble utilizzati e della scala dimensionale. Cortesia: NASA / ESA / M. Postman e D. Coe (Space Telescope Science Institute) / il gruppo CLASH

Riferimenti

Tag: MACSJ0647.7+7015, MACS0647-JD, lente gravitazionale, ammassi di galassie, telescopio spaziale hubble, telescopio spaziale spitzer, CLASH, articoli

Condividi post

La tua opinione

comments powered by Disqus
Powered by Disqus