Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario di cose celesti

Chi siamo? Perché?

Le vagabonde blu di NGC 6362

01 Nov 2012 12:05 AM – Michele Diodati

NGC 6362 è un ammasso globulare con una bassa concentrazione stellare (c = 1,1) e una densità centrale stimata in circa 158 stelle per parsec cubico. Situato nella costellazione meridionale dell'Altare, fu scoperto nel 1826 dall'astronomo scozzese James Dunlop, osservando il cielo dall'Australia con un telescopio da 22 centimetri. NGC 6362 ha una magnitudine apparente tra 7,5 e 8,3 a seconda delle fonti e un'estensione visuale compresa tra 9 e 10 primi. Il modulo di distanza, ricavato da uno studio del 1999 basato su osservazioni effettuate con la WFPC2 di Hubble, è (m-M)V = 14,67 ± 0,2, a cui corrisponde una distanza dal sistema solare intorno ai 28.000 anni luce.


Gli ammassi globulari sono tra gli oggetti più antichi dell'universo e NGC 6362 non fa eccezione. La sua età è stimata da un minimo di 12 a un massimo di 16 miliardi di anni, a seconda della fonte (gli studi più datati riportano spesso per gli ammassi globulari età che superano il limite temporale di 13,7 miliardi di anni, a cui le ricerche sul fondo cosmico a microonde fanno risalire l'origine dell'universo). In accordo con un'età così antica, le immagini di NGC 6362 mostrano una popolazione stellare ricca di giganti rosse, cioè stelle che hanno esaurito la scorta di idrogeno nucleare e stanno ormai attraversando le fasi finali della loro vita.


Tuttavia le immagini mostrano anche la presenza, apparentemente inspiegabile, di numerose stelle blu e brillanti, cioè stelle giovani. Si pensa che la popolazione stellare degli ammassi globulari sia sostanzialmente coeva e risalente alle origini stesse dell'ammasso. Da dove arrivano allora le stelle blu, la cui aspettativa complessiva di vita è di pochi milioni di anni? Gli astronomi le chiamano "blue stragglers" o, in italiano, vagabonde blu. Ma probabilmente non sono affatto vagabonde capitate lì per caso. Secondo le teorie più accreditate, possono formarsi o per la fusione di due stelle molto vicine in un sistema binario o per collisione tra stelle casualmente finite su traiettorie pericolose, a causa del grande affollamento tipico dei parsec centrali degli ammassi globulari. O, ancora, possono formarsi per accrezione di materia, che fluisce da una stella più grande su una compagna più compatta all'interno di un sistema binario molto ravvicinato. Quale che sia l'origine, il risultato finale è una stella giovane, o meglio ringiovanita, la cui età apparente contrasta fortemente con la popolazione dominante di stelle vecchie e vecchissime che caratterizza gli ammassi globulari.

Le immagini seguenti mostrano uno zoom progressivo su NGC 6362. La prima immagine, in campo largo, è tratta dalla Digitized Sky Survey 2. Le successive provengono dal telescopio da 2,2 metri dell'ESO a La Silla, in Cile, mentre le ultime sono dettagli del nucleo dell'ammasso globulare ottenute con il telescopio spaziale Hubble.

NGC 6362 in campo largo. Cortesia: ESO / Digitized Sky Survey 2 / Davide De Martin

NGC 6362 in campo largo. Cortesia: ESO / Digitized Sky Survey 2 / Davide De Martin

Questa vista di NGC 6362 (la seconda immagine è un dettaglio della prima) fu acquisita con il telescopio cileno da 2,2 dell'ESO, nel corso della cosiddetta Pre-FLAMES Survey, una raccolta di 160 campi stellari eseguita tra il 1999 e il 2002. Cortesia: ESO
Questa vista di NGC 6362 (la seconda immagine è un dettaglio della prima) fu acquisita con il telescopio cileno da 2,2 dell'ESO, nel corso della cosiddetta Pre-FLAMES Survey, una raccolta di 160 campi stellari eseguita tra il 1999 e il 2002. Cortesia: ESO

Questa vista di NGC 6362 (la seconda immagine è un dettaglio della prima) fu acquisita con il telescopio cileno da 2,2 dell'ESO, nel corso della cosiddetta Pre-FLAMES Survey, una raccolta di 160 campi stellari eseguita tra il 1999 e il 2002. Cortesia: ESO

Il riquadro nella metà sinistra dell'immagine mostra la porzione del nucleo di NGC 6362 ripresa con Hubble e dà un'idea della differenza di risoluzione tra il telescopio terrestre dell'ESO e il telescopio spaziale, nonostante il diametro dei loro specchi sia relativamente simile (2,2 m contro 2,4). Cortesia: ESO

Il riquadro nella metà sinistra dell'immagine mostra la porzione del nucleo di NGC 6362 ripresa con Hubble e dà un'idea della differenza di risoluzione tra il telescopio terrestre dell'ESO e il telescopio spaziale, nonostante il diametro dei loro specchi sia relativamente simile (2,2 m contro 2,4). Cortesia: ESO

Il cuore dell'ammasso globulare NGC 6362, osservato da Hubble nell'ultravioletto (336 nm), nel visibile (625 nm) e nell'infrarosso (814 nm). Cortesia: ESA / Hubble & NASA

Il cuore dell'ammasso globulare NGC 6362, osservato da Hubble nell'ultravioletto (336 nm), nel visibile (625 nm) e nell'infrarosso (814 nm). Cortesia: ESA / Hubble & NASA

Per consentire di apprezzare meglio i dettagli, l'immagine del nucleo di NGC 6362 ripresa da Hubble è stata qui suddivisa in quattro sezioni di uguale grandezza, ordinate in senso orario a partire dall'angolo in alto a sinistra
Per consentire di apprezzare meglio i dettagli, l'immagine del nucleo di NGC 6362 ripresa da Hubble è stata qui suddivisa in quattro sezioni di uguale grandezza, ordinate in senso orario a partire dall'angolo in alto a sinistra
Per consentire di apprezzare meglio i dettagli, l'immagine del nucleo di NGC 6362 ripresa da Hubble è stata qui suddivisa in quattro sezioni di uguale grandezza, ordinate in senso orario a partire dall'angolo in alto a sinistra
Per consentire di apprezzare meglio i dettagli, l'immagine del nucleo di NGC 6362 ripresa da Hubble è stata qui suddivisa in quattro sezioni di uguale grandezza, ordinate in senso orario a partire dall'angolo in alto a sinistra

Per consentire di apprezzare meglio i dettagli, l'immagine del nucleo di NGC 6362 ripresa da Hubble è stata qui suddivisa in quattro sezioni di uguale grandezza, ordinate in senso orario a partire dall'angolo in alto a sinistra

La posizione di NGC 6362 nella costellazione dell'Altare. Cortesia: ESO / Sky & Telescope

La posizione di NGC 6362 nella costellazione dell'Altare. Cortesia: ESO / Sky & Telescope

Riferimenti

Tag: NGC 6362, ammassi globulari, telescopio spaziale hubble, gallerie, articoli

Condividi post

La tua opinione

comments powered by Disqus
Powered by Disqus